La Cattedrale di Tartu

In cima alla collina Toomemägi (collina della cattedrale), in un’area verde, suggestiva e rilassante ad ovest del Municipio, si trovano le rovine della Toomkirik, la Cattedrale in mattoni rossi dedicata ai Santi Pietro e Paolo. Venne eretta in stile gotico nel XIII secolo dai cavalieri teutonici.

Una basilica a tre navate che, al tempo della costruzione, divenne il più grande edificio religioso di tutta l’area dell’antica Livonia (una confederazione che si estendeva tra il Golfo di Riga e l’Estonia)


Distrutta a causa di un incendio nel 1624 venne in seguito devastata.

La struttura odierna sembra il frutto di una, solo parziale, opera di restauro. In realtà, si tratta di una precisa scelta operata all’inizio del XIX secolo dall’architetto J.W. Krause, che volle dare al nucleo centrale della Cattedrale quell’aspetto di costruzione in rovina che vediamo ancor oggi, restaurando, secondo canoni classici, solo l’area del coro che doveva custodire la Biblioteca Universitaria.

Dal 1981 ospita il Museo Storico dell’Università di Tartu. All’interno, disposti su tre piani, sono conservati una collezione di apparecchi scientifici del XIX secolo, una biblioteca e i ritratti dei primi rettori dell’Università.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>