Song of Freedom

 

Evento organizzato in occasione del ventennale dell’Indipendenza dell’Estonia (20 agosto 1991-20 agosto 2011) e che si terrà presso il Tallinn Song Festival Grounds Narva mnt. 95 Tallinn, Harju.
Un grande happening musicale di spessore internazionale, un ringraziamento simbolico a tutti coloro che pur vivendo in altri Paesi, riconobbero la Repubblica di Estonia anche durante gli ultimi anni dell’ occupazione sovietica. L’opinione pubblica internazionale rimase colpita e incredula quando, durante il Festival del Canto del 1988 si radunarono quasi 300.000 estoni ( un quinto della popolazione di allora! ) in quella che passerà alla storia  come The Singing Revolution , una manifestazione di massa dove venne palesato, in modo pacifico e originale, un irrefrenabile desiderio di indipendenza e di libertà. Un anno dopo, una catena umana costituita da circa due milioni di persone, unirono simbolicamente Tallinn a Vilnius (passando per Riga) accomunando le istanze di estoni, lettoni e lituani.
Tornando all’evento oggetto di questo post, artisti internazionali, dalla norvegese Marie Boine al finlandese Kimmo Pohjonen, finendo con la celebre cantante irlandese Sinead O’Connor, si alterneranno ad artisti estoni in un concerto che durerà oltre 6 ore (dalle 18.30 all’una del mattino).

 

Programma del concerto:

ore 18.30- Apre la band estone Justament
ore 19.15- Kimmo Pohjonen (Finlandia)
ore 19.40- Ringraziamenti del sindaco di Tallinn, Edgar Savisaar
ore 19.45- Brainstorm (Lettonia) e la banda locale Ewert & the Two Dragons
ore 20.30- Ringraziamenti del Presidente della Repubblica di Estonia, Toomas Hendrik Ilves
ore 20.35- Gli artisti estoni Riho Sibul, Mari Kalkun, Iris e altri.
ore 21.00- Marie Boine (Norvegia)
ore 21.30- La star estone Kerli
ore 22.00- Gli estoni Jarek “Chalice” Kasar, Malcom Lincoln, Vaiko Eplik, Dagö
ore 23.00- Jaak Johanson
ore 23.30- Sinaed O’Connor (Irlanda)
ore 11.55- Fuochi d’artificio

(Fonte: Tourism Tallinn )

Una risposta a Song of Freedom

  1. Il primo Paese a riconoscere l’Estonia indipendente nel 1991 fu l’Islanda. Ed il Presidente dell’Islanda Grimsson si trova oggi a Tallinn come ospite d’onore.
    Invece, nel 1940, il primo Paese a riconoscere l’annessione dell’Estonia all’Unione Sovietica fu la Svezia. Il Primo ministro svedese Reinfeldt, cinque giorni fa, ha ufficialmente chiesto scusa ad Estonia, Lettonia e Lituania per quella deprorevole scelta.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>